Messenger Rooms Facebook: cos’è e come funziona?

Nuova concorrenza per Zoom?

L’isolamento dovuto alla pandemia da COVID-19 ha costretto i negozi a reinventarsi per mantenersi in piedi, intanto che questa triste crisi continua. Precedentemente abbiamo già parlato all’espansione di Zoom, come principale app di videochiamate che gli utenti utilizzano per comunicarsi da casa.
Oggi, vogliamo parlare riguardo la nuova proposta fatta da Facebook per competere con Zoom. Si tratta di Messenger Rooms, una piattaforma sviluppata da Zuckerberg, che spera rimpiazzare il posto di Zoom, ci riuscirà? Questo è un tema di tendenza.

Che cos’è Messenger Rooms?

È una nuova applicazione che permetterà di svolgere videochiamate con 50 persone, attraverso sale riunioni. Questi spazi saranno ispirati a Facebook Messenger, ed alle comunità ed ai gruppi che risiedono in questa piattaforma. Il principale attributo di quest’app, è che non sarà necessario scaricare un’applicazione a parte e neppure avere un profilo Facebook. Infatti, gli invitati potranno unirsi attraverso un link e scegliere se mantenere la videochiamata pubblica o privata.

Come funzionerà Messenger Rooms

Messenger Rooms funzionerà su smartphones e computer. In quest’ultimo caso, una sessione potrà mostrare fino a 16 partecipanti simultaneamente attraverso una griglia, simile a quella di Zoom. nel caso degli smartphones, la lista si riduce a 8 partecipanti, mostrandoli allo stesso modo.
Nonostante Rooms stia diventando una sala multichat che permette riunioni ed eventi con un numero massimo di 50 persone, questa funzione sarà attiva qualche settimana più tardi dal lancio della prima versione. Inoltre, Zuckerberg promette che non ci saranno limiti di tempo; cosa che, invece, si pone come ostacolo in Zoom.
Gli organizzatori della videochiamata godranno di alcuni benefici. Per esempio, potranno eliminare un partecipante dalla sala, limitare il numero di connessi, fra l’altro.

È già disponibile?

Non definitivamente. In Italia ed in altri paesi europei è in fase di prova. Questo strumento è disponibile nella sua versione completa negli Stati Uniti, siccome uno dei sui obiettivi è quello di affossare Zoom e Houseparty. Certamente ha i presupposti per riuscirci, in quanto sarà un’estensione più divertente e socievole, propria per gli utenti che utilizzano questo social network.
Senza dubbio, il codice delle videochiamate non sarà disponibile su Messenger Rooms, e presuppone un motivo di diffidenza per gli utenti.

Effetto domino nel resto delle compagnie di Zuckerberg.

Come già è solito di Zuckerberg, si stima che questa nuova funzione sarà disponibile anche nelle sue altre reti sociali. Principalmente WhatsApp, che aumenterà i numeri dei partecipanti da 4 a 8 per ogni videochiamata. Inoltre, ovviamente, anche Instagram potrebbe aggiungersi, ed essere la prossima piattaforma.
Riguardo Facebook, questa nuova funzione si attiverebbe sul pannello di controllo “storie”, nella sezione “notizie”. Inoltre, sarà visibile solamente alle persone con le quali si interagirà con più frequenza su Facebook.
Resta aspettare che Messenger Rooms inizi a funzionare a livello mondiale per sapere se riuscirà a rimpiazzare Zoom oppure no.

Definizione, falsi miti e opportunità che si nascondono dietro questa realtà Oggi sentiamo sempre più spesso la parola Startup, un termine e un fenomeno nato nella Silicon Valley che si è diffuso in tutto il mondo a macchia d’olio, rivoluzionando vecchi modelli di business e dando vita a nuove opportunità di crescita e sviluppo. Realtà […]

Fondatore di Udacity Quando si tratta di piattaforme di corsi online, c’è una in particolare ad essere tra le prime nel ranking delle migliori: Udacity. Tuttavia, chi c’è dietro questo sito? Sebastián Thrun, un professore dell’Università di Standford che ha deciso di abbandonare l’incarico in quest’istituto per fondare la sua piattaforma di insegnamento. Breve biografia […]

Responsabile della crescita di McDonald’s L’imprenditore americano, Ray Kroc, ha segnato un prima e un dopo in McDonald’s. Ha trasformato quest’ultima nella catena di fastfood più veloce ed importante a livello mondiale. Per alcuni, è imprenditore degno di essere ammirato. Tuttavia, altri lo ricordano come un imprenditore che ha tradito i fratelli McDonald’s. Andiamo a […]